Gennaio 26, 2022

La World Organisation of States: sito, sedi ed altro.

5 min read

Terza parte

Per la prima clicca qui, per la seconda qui (consiglio anche di dotarsi di foglietto per prendere appunti e fare un diagramma di flusso: oltre ad una bussola e delle pastiglie per il mal di testa).

Il sito della WOS: le sedi.

Se nel precedente articolo ci siamo concentrati sulla galleria fotografica, in questo diamo un’occhiata alla home ed alcuni dettagli.

La prima notizia attualmente presente è quella del cambio d’indirizzo della sede americana: già, perchè il WOS ha due sedi, una in Italia ed un’altra negli USA. A conferma della dimensione internazionale dell’iniziativa.

La precedente era a New York, ma a quanto pare il 1 Novembre 2020 è avvenuto un trasloco verso la Pennsylvania

In Via della Sforzesca n. 1 int. 1 di Roma mi risulta esserci una bella palazzina signorile. E fin qui nulla di male…

Però la cosa curiosa è che, quando ho digitato l’indirizzo su Google, il suggeritore di ricerca automatico mi ha aggiunto inaspettatamente “casting“, e così sono finita su un articolo ripreso da Repubblica, del 2012, riguardante il mondo parecchio complesso dei casting e delle agenzie di spettacolo.

E cercando ancora mi sono imbattuta nella Medina Management srl, agenzia artistica. Che pare avere un sacco di personaggi di rilievo al suo attivo.

Anche se di molti di essi dichiara che

Non intendendomene di queste cose non voglio assolutamente puntare nessun dito contro l’agenzia di spettacolo in questione: l’ho citata soltanto perchè ha una filiale a Napoli, ma la sede a Roma. Una sede che m’interessa parecchio, ed è sicuramente per questo che il buon Google mi ha fatto incrociare la Medina Management: guarda un po’ dov’è…

E si dia atto all’estrema correttezza del titolare Fabio Medina che non tenta giochi di prestigio e dichiara apertamente che questa sede romana si trova presso la Staf srl.

Insomma, benchè il “Diplomatic Bureau and International Representation” della WOS si trovi all’int. 1 del n.1 di Via della Sforzesca, il dubbio che si tratti di una domiciliazione presso la Staf srl c’è: con affitto alla bisogna di ufficio.

Passiamo ora alla sede statunitense.

Al  417 West South Street Carlisle PA 17013-2829 c’è una graziosa casetta, di quelle che fanno tanto film americano, con il giardinetto davanti e dietro, identica alle mille altre sulla stessa via residenziale: costruita nel 1914, tre camere da letto e un bagno. Valore approssimativo 195mila dollari.

Stando a nuwber.com (un sito americano terribile: combina dati delle guide telefoniche con mille altri, e spara in rete informazioni personali. Infatti molti americani lo odiano e fanno richiesta di cancellazione) la graziosa casetta risulta essere la residenza di

Aspassia Vesselinova Staevska: avvocato

Protagonista nel 2014, insieme a molti altri legali, di una complicatissima causa di due aziende di distribuzione di energia elettrica, la Metropolitan Edison Co. e la Pennsylvania Electric Co., giunta fino alla Corte Suprema: causa intentata per recuperare dai propri clienti più di 250 milioni di dollari in costi associati a “perdite di linea” (cioè l’energia che viene persa quando l’elettricità viaggia sulle linee elettriche) e gli interessi relativi a tali costi. Domanda respinta, fra l’altro.

Ed il Dr. William Martin Sloane

Arbitro (non di calcio: giuridico), legale, pastore, CEO della Charisma University, rettore della International University for Graduate Studies, consigliere della International Court (e sto tagliando…), membro dei consigli direttivi di 23 organizzazioni, 10 onorificenze e premi…

E su questa faccenda degli istituti di ricerca e le università torneremo, in un altro articolo a seguire: per ora basti sapere che stavo pensando di conferirgli pure l’ordine del Gran Cavalierato dell’Opinionista Scalza nonchè una cattedra di docenza alla Regia Università della mia pagina Facebook. Tanto chi vuoi che vada a controllare.

Diciamo insomma, in finale, che anche la sede americana della World Organisation of States presenta qualche ombra…

Cos’altro si trova sul sito della WOS…

  • L’immancabile form per le donazioni.

  • Una raccolta fondi per acquistare attrezzature per le terapie intensive di Brasile e Perù messe spalle al muro dal Covid 19. Fondi da versare sul conto ufficiale della WOS, presso il Monte dei Paschi di Siena.

  • L’invito, da parte dell’Organizzazione Mondiale della Sanità, a partecipare ad un meeting sull’emergenza Covid in Africa. A rappresentare la WOS il suo “ambasciatore” in Congo.

(“brown bag meeting” è un’espressione inglese con cui si indicano le riunioni informali, solitamente fatte in pausa pranzo: quella in cui si mangia ciò che è racchiuso nella busta di carta del panettiere, e quindi da qui il nome. Insomma nulla di che, non è il caso di scriverlo in maiuscolo come se fosse il titolo della conferenza).

  • La precisazione che la WOS è viva ed attiva, nonostante le fake news messe in giro da ex membri: con tanto di certificato di attribuzione dell’Agenzia delle Entrate da cui risulta che la WOS figura come “organizzazione ed organismo extraterritoriale” (quindi non soggetto a tasse). Con sede sempre a Roma ma non più in Via della Sforzesca 1 bensì in Via Ludovisi 35.

Via Ludovisi 35. Dove c’è un‘altra società simile alla Staf srl di Via della Sforzesca, che affitta per brevi o lunghi periodi uffici di rappresentanza.

Gran finale.

Questa è la foto del meeting del 2 Maggio 2018 a Roma: il meeting della WOS e dell’ IPSP (International Parliament for Safety and Peace: il Parlamento Mondiale di cui parliamo da un po’, insomma).

Dove si possono notare:

  • Il Vice presidente della WOS, l’ucraino Valeriy Yevdokimov. E qui attenzione, perchè esistono due Valeriy Yevdokimov: uno è nato nel 1969 ed è un generale ucraino, nonchè ex capo dei servizi segreti dell’Ucraina. Tant’è che lo troviamo pure su Wikipedia.

E non è il Valeriy Vice presidente della WOS: il quale è invece nato nel 1941 ed è un membro del partito social democratico ucraino. Partito noto per aver arruolato star dello spettacolo per rilanciarsi. Mentre l’Ucraina è nota, a sua volta, per l’avversione verso i comunisti.

  • Il “senatore” Vittorio De Stefano. Di origini italiane vive in Venezuela, dove ha parecchie attività. Anche nelle Antille olandesi, noto paradiso fiscale (come Panama, dove vive Giovanni Caporaso Gottlieb di Antarticland, stato “co-retto” da Eugenio Lai, il quale è anche Presidente della WOS, ecc ecc ecc).

Venezuela da cui, soprattutto, nel 2006 si è candidato per le elezioni dei deputati e senatori italiani all’estero. Nelle file di…

Però fa specie, io penso, che ci siano tutte queste omonimie fra i membri del WOS: neanche li scegliessero apposta… E giusto fra i rappresentanti della Lega Nord e della grande madre Russia, mattatori indiscussi del negazionismo (ad onor del vero la Lega era negazionista ad inizio pandemia: ad oggi ha furbescamente un po’ virato, visto che ormai ci siamo tutti vaccinati). E tutto ciò nonostante le raccolte fondi per aiutare il Brasile del sovranista e negazionista Bolsonaro ad affrontare l’emergenza Covid. Insomma, sembra un po’ un ndo cojo cojo via.

Ho finito? No, assolutamente no. Riserva ancora un sacco di sorprese, il sito della WOS: nella prossima puntata si va in Serbia in compagnia di Max Massimi, si rifà un salto nelle università americane dove insegna il Dr. Sloane, e poi si torna in Italia nel Foro di Nola.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

>