Gennaio 26, 2022

Gli Studi legali Rossini di Tommaso Rossini , amico di Trump e del patriota QAnon.

6 min read

Di Tommaso Rossini da Mola di Bari ho già parlato parecchie volte: il primo articolo risale al 2 febbraio 2021, ai tempi in cui il sedicente avvocato, che avvocato non è, si accompagnava a Max Massimi in una serie infinita di dirette su FB.

Dirette in cui Rossini si presentava come “membro dello staff legale di Trump ed amico del Generale Flynn” (il massimo complottista mondiale, il padre di tutti i patrioti QAnon di Capitol Hill) e Massimi come “esperto di comunicazione” che ogni sera faceva clamorose e scottanti rivelazioni giunte da fonti segretissime e vicine ai piani alti con cui solo lui era in contatto.

Poi ne ho riparlato anche più di recente, il 12 ottobre 2021, a qualche mese dalla sua separazione dall’ex amico, ormai proiettato verso una carriera da presentatore di manifestazioni No Green Pass animate dall’estrema destra: mentre lui, Rossini, persevera a definirsi avvocato con numerosi contatti all’estero (in primis la Russia), a diffondere fake news no-vax e postare proclami e foto del glorioso esercito americano pescate un po’ a casaccio nel web, che però fanno tanto arredamento sulla pagina. Ed a fare dirette con personaggi, taluni parecchio singolari, che vedremo nel prossimo articolo.

Persevera nonostante il 18 giugno 2021 abbia pure ricevuto la visita telefonica di quelli della Zanzara, che non l’hanno trattato proprio benissimo: li potete ascoltare dal minuto 1.42. E anche lui, devo dire, non si è rivelato un gran signore.

Ebbene, andando a dare un’occhiata ai suoi due profili FB e la sua pagina Tommaso Paola Rossini Dirette Streaming mi è caduto l’occhio su questo…

La premiata ditta Rossini Studi Legali.

Mi sono stupita, perchè lo scorso inverno, ai tempi del mio primo articolo, di studi ne aveva giusto uno in tale Porto Romano, e semplicemente citato fra le informazioni di profilo: che si rivelava essere una “attrazione turistica chiusa definitivamente” non vicino a Roma ma a Durazzo, in Albania. Quattro case accanto ad una discarica in riva al mare, una strada sterrata e due cani randagi.

Per cui sono andata a guardare sti Rossini Studi Legali: e sono rimasta impressionata. Così come sicuramente resteranno impressionati i follower di Rossini che credono lui sia un avvocato, e pure di quelli potenti ed internazionali.

E siccome io sono una che non ha pregiudizi ma nemmeno compra a scatola chiusa, ho verificato ogni indirizzo.

Le sedi italiane.

  • Roma, Via del Fosso di Acqua Acetosa Ostiense n. 43 00144

A quell’indirizzo c’è il 4 stelle JC Hotel.

  • Torino – Mercenasco, Via Cernaia n. 8 10100

In questo paesino, e per la precisione in questo elegante dedalo di viuzze, stando a quanto mi dice Google Maps

ha in effetti sì sede una ditta: ma non uno Studio Legale (Rossini o quel che sia) bensì una SRL, la

  • Napoli, Via Piave n. 218 80126

Altra ditta anche qui, ma anche qui non uno studio legale: bensì una delle sedi (pare ne abbia almeno due o tre sparse per Napoli, o forse ne ha cambiate parecchie) degli agenti di commercio della Endosurgical SRL.

Una ditta che opera nel campo del commercio e l’assistenza tecnica di apparecchiature per l’endoscopia: insomma il campo è quello dell’odiata Big Pharma.

  • Salerno, Portici Via Gianturco n. 21 80055

Finalmente. Finalmente uno studio! Però neanche stavolta lo Studio Legale Rossini: ma una delle due sedi dello Studio Zambrano & Partners, commercialisti.

  • Bari, Mola di Bari Via Salvemini n. 87 70042

Oh, qui siamo proprio nel paese natale del nostro eroe (che adesso dichiara di vivere a Zurigo). E però neppure qui risulta esserci uno studio legale intestato a lui. C’è solo questo, a quell’indirizzo: un amministratore di condominio.

  • Lecce, Poggiardo Via della Rimembranza n. 12 73037

All’ultimo indirizzo italiano troviamo infine la MGV Multiservice

Sul cui sito campeggia una bella foto della sede e del cartellone esposto in cui spiegano di cosa si occupano

Le sedi estere.

Facciamola breve, sulle sedi estere: al primo indirizzo, quello in Romania, non ci trovo nient’altro che un bel condominio in cui fino a qualche tempo fa c’erano degli appartamenti in vendita che ora paiono essere stati già tutti acquistati. Ed una ditta di impianti termoidraulici che a naso mi pare trovarsi lì per puro caso.

Al secondo, quello di Stoccarda in Germania (che fra l’altro Rossini, o chi ha fatto il sito, scrive pure sbagliato: lui scrive “Via Wespen Weg 4”, e invece bisogna scrivere “Wespenweg 4” perchè “weg” in tedesco vuol dire  già “via”) mi risulta un altro condominio, e talmente anonimo che manco quelli di Street View ci sono ancora passati. Dove però attualmente c’è un grazioso appartamento in vendita (qui uno è rimasto) se a qualcuno interessa: doppia esposizione, terrazzo e sole tutto il giorno.

Poi…

Cercando la prima delle sedi russe, quella di Mosca, anzi di Chimki (e non Khimki, come scrive Rossini) ci si perde un pò: non si capisce se si finisca dentro il lago di un parco, ad una fermata dell’autobus in disuso o ad ammirare un monumento. Giacchè se metti il numero civico indicato dagli “Studi legali Rossini” ti dice che non trova nulla.

Mentre invece almeno sulla seconda sede nella grande madre Russia, quella di Samara, c’è più certezza: al n.6 di Teatralnyy proezd (e mannaggia a Rossini, sbagliato pure questo: si scrive Teatral’nyy Proyezd. E meno male che ha lo studio lì) c’è un bell’edificio bianco

La sede, per la regione di Samara, della Ufssp: un ufficio statale, insomma. Per la precisione praticamente l’Equitalia russa. Infatti ha delle pessime recensioni: e in questo siamo vicini ai fratelli russi.

Fra tutte le sedi estere, insomma, la vera chicca, com’era prevedibile, è quella di Lugano, che rimanda direttamente ad una Private Bank, la One Swiss Bank. Ammetto che la cosa non mi ha stupita.

I dettagli.

Esistono poi alcuni dettagli interessanti, sul sito degli “Studi Legali Rossini”, che contribuiscono a renderlo molto “professionale”.

Il numero verde (ottenibile in un niente, basta che a richiederlo sia il titolare di un’utenza fissa o mobile aziendale), e la casella per la PEC: che è stata creata su InfoCert forse non a caso, visto che è la PEC di InfoCert a chiamarsi Legalmail.

Ed infine questa frase altisonante, messa lì insieme a foto di toghe ed a quella di un ragazzo di colore con sullo sfondo l’immancabile bandiera statunitense (ricordo che “l’avv. Rossini ” fa parte del team legale di Trump perlomeno da inizio pandemia): foto tratta da questo sito, un blog americano sulla professione legale.

Ecco, la frase altisonante “Gli avvocati più famosi della storia italiana” non è una semplice frase a corredo delle foto, ma un link: conduce all’articolo dal medesimo titolo di un altro sito, il sito di Legaldesk, uno dei tanti software gestionali per l’organizzazione degli studi legali, creatura di tale Matteo Migliore.

Finale.

Beh, che dire, in finale? Che c’è davvero un sacco di gente che il sig. Tommaso Rossini tira in ballo in una sola (perchè poi è una sola, e pure statica) pagina di sito: neanche io con un articolo di quelli più investigativi e prolissi riesco a combinare tanto.

Ed il tutto spacciandosi per avvocato: definendo pubblicamente sedi dei suoi studi legali quelle che sono le sedi di ben altro genere di attività, e nemmeno sue (tranne forse quella di Torino). Viene da chiedersi se queste ditte lo sappiano, che il loro indirizzo si trova su un sito dove viene definito sede dello studio legale di un signore che avvocato non è.

Mi fa venire inoltre in mente che il sig. Tommaso Rossini risulta essere il titolare di una impresa individuale e di una holding, entrambe aventi per oggetto lo stesso genere di attività: consulenza imprenditoriale, amministrativo gestionale e di pianificazione aziendale.

È forse questa holding un consorzio di tutte queste società, attorno a cui gravitano molti avvocati, e veri? Giacchè nell’intestazione del sito si parla di “avvocati“, al plurale. Però a questo punto viene da porsi la medesima domanda, e cioè se questi avvocati siano consapevoli che si stanno facendo, diciamo così, “sponsorizzare” da una persona che dichiara pubblicamente, da mesi e mesi, insistentemente e con toni spesso molto violenti, di essere avvocato quando invece non lo è.

Oppure si tratta della rinascita di una vecchia holding di Rossini, di parecchi anni fa, che in passato è già stata protagonista delle avventure del simpatico e creativo Tommaso da Mola di Bari?

L’articolo in realtà non è finito: il seguito nel prossimo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

>