Luglio 5, 2022

Nicola Franzoni, fra furti d’immagine e crisi mistiche.

4 min read

Il caro Nicola Franzoni non finisce mai di stupirci: ormai è in preda ad un delirio di onnipotenza inarrestabile e non mira più soltanto a prendere possesso di Montecitorio arringando la folla dal balcone di Palazzo Venezia.

No.

Punta più in alto: direttamente di fianco a Dio, si vede. Anzi, al suo posto proprio.

Anche se ha di certo una visione tutta sua dei principi del buon cristiano.

Tempo fa, ad esempio, mise a capo dell’ufficio comunicazione del suo “Onda Popolare” tale Nicoletta Varnier

Salvo spodestarla in tutta fretta per certe sue dichiarazioni pubbliche imbarazzanti: pare non le fossero tanto simpatici gli ebrei. Al punto da finire pure citata nell’Osservatorio Antisemita.

E, forse, sempre al delirio di onnipotenza si può ascrivere il suo copiare foto ed idee coperte da copyright, per farsi bello agli occhi degli “elettori”.

Come il video promozionale di “Onda Popolare”, che rubava le immagini di un video del filmmaker Oliver Astrologo senza che a questo fosse stato chiesto nulla. La storia la si ritrova in questo articolo: dove il video di “Onda popolare” non risulta più disponibile, mentre quello di Astrologo ovviamente sì. Forse perchè qualcuno lo avvisò e Franzoni tolse dalla circolazione le prove…

Ebbene…

L’ha rifatto di nuovo: proprio non gli entra in testa che non può pescare dal web così impunemente. Almeno finchè non avrà ucciso Matteotti, bonificato le paludi pontine, fatto giungere i treni in orario e conquistato l’Abissinia.

Il post e la segnalazione.

Campeggia da ieri, sul profilo (aspetta eh, che mi devo ricordare quale degli 11, 12, 13… ho perso il conto) di Nicola Franzoni questo post

In cui, nell’ordine:

  1. S’invita a spargere con tutta serenità il virus infrangendo le leggi.
  2. Ci si autoelegge autorità dotata di potere temporale e non, in grado addirittura di scomunicare un Papa.
  3. e tre… SI RUBA LA FOTO DI COPERTINA DI UNA PAGINA DI FRANCESCANI IGNARI.

La pagina in questione si chiama Sogni Francescani

La segnalazione è giunta da una persona che conosce molto bene sia la comunità di frati in questione che uno di loro, il quale ha celebrato il matrimonio di una sua carissima amica.

Ed assicura che nulla hanno, questi frati francescani, a che vedere con attacchi a Bergoglio: anzi, tutt’altro.

Ed è sì, davvero un insulto…

I commenti al post.

Rullo di tamburi (Vescovo, si prepari al peggio: questo articolo lo sto scrivendo perchè chi mi ha segnalato la faccenda aveva bisogno di una buona “presentazione” della faccenda da sottoporle, visto che la conosce bene. Ed io ben volentieri procedo).

In ordine di apparizione…

Donatella, Nadia e Terry.

 

Donatella non osa scriverla tutta, la parola, ancora finisce all’Inferno: ma lei aveva già capito. C’è la coda di Lucifero, sotto la veste bianca.

Nadia sparge orgogliosamente il virus (in barba alla legge) perchè fa buon cristiano.

Terry, meglio ancora di Donatella, sa che Bergoglio è a capo della lobby internazionale.

Giovanni.

Giovanni è laureato in Teologia all’Università della strada, e fa tutto da solo: all’occorrenza firma pure un autografo sul Vangelo e battezza lui stesso gli amici.

Carla.

Carla spicca fra tutti: per lei il cristianesimo è null’altro che un “programma di controllo mentale di massa ebraico”. Stupisce non suggerisca, che so, anche la deportazione e la camera a gas? Per Bergoglio, i francescani e per tutti i cattolici vaccinati e che indossano la mascherina.

Gianluca

Gianluca dev’essere amico di Carla: lui si sente tradito da Bergoglio come se, invece che chiamarsi Gianluca, si chiamasse Benito, ed il Papa fosse suo genero. E fa amabili giochi di parole basati sull’assonanza del cognome.

Alessandro.

Su Alessandro ammetto che mi sono persa: mi è parso un brutto mix fra un film di Dario Argento e l’oracolo di una cartomante telefonica a pagamento. Confesso che ignoravo che lo stesso Signore Gesù Cristo abbia affermato che le Chiese sono i luoghi dove si trova Satana.

Finale. 

Insomma, Monsignore, sua Eccellenza, quel che sia… Io, persino da atea ed agnostica quale sono, prenderei le distanze, da questo scempio: e dall’uso criminale di una foto rubata che è stato fatto. Di sanissimi, pacifici, rispettabilissimi francescani: buttati alla gogna mediatica per racimolare un paio di commenti beceri, violenti e pure in odor di antisemitismo.

Tanto più che il nostro, ormai votato verso la crisi mistica, vuole intessere legami di cui non c’è tanto da andar fieri:

Quel Don Minutella lì, sì, proprio lui: quello che definisce Bergoglio un “il peggior nemico del cattolicesimo romano. Un falso Papa”. Sul canale di Vox Italia.

Oscurato e condannato da tutto il clero cattolico.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

>